giornate ambientali mondiali

22 Marzo. 22 Aprile. Il Comune di Pont Saint Martin in prima fila per sostenere l'importanza di un Ambiente in buona salute

La sensibilizzazione ambientale sta coinvolgendo, con sempre maggiore impeto, la totalità dei plessi scolastici. E', ormai, convinzione generale che una buona educazione al rispetto dell'Ambiente debba partire dai cittadini più piccoli. A loro viene affidato l'arduo compito di salvaguardare i 'regali' della Natura. Doni preziosi, indispensabili che, in assenza di una accurata tutela, potrebbero estinguersi

Pont Saint Martin. L’acqua, bene primario, prezioso, insostituibile al punto da meritare una ‘Giornata mondiale’ dedicata. Il 22 marzo prossimo i popoli del Pianeta Terra onoreranno questo elemento fondamentale per la vita con l’organizzazione di eventi commisurati alle rispettive tradizioni.
In Valle d’Aosta, il Bacino Imbrifero Montano della Regione ha proposto ai Comuni dotati di ‘casette dell’acqua’ un’erogazione gratuita.
“L’Amministrazione comunale di Pont Saint Martin ha scelto di aderire a questa iniziativa per rafforzare quel senso di responsabilità che costituisce il ‘fil rouge’ dei nostri programmi ambientali”.
Ennio Pedrini, assessore comunale con delega all’Ambiente, annuncia come la partecipazione a questa particolare Giornata esprima la volontà degli amministratori di veicolare, in termini capillari, l’importanza di un consumo idrico oculato.
C’è di più in questa proposta elaborata dal Comune che delimita i confini tra Valle d’Aosta e Piemonte. “Desideriamo – sottolinea – mantenere alta l’attenzione sull’utilizzo della plastica, uno dei materiali a cui dedichiamo progetti mirati di sensibilizzazione dei cittadini. Che devono essere sempre più consapevoli di quanto sia fondamentale una raccolta differenziata corretta”.
L’assessore invita, quindi, gli abitanti ad approfittare di questo approvvigionamento gratuito con la bottiglia di vetro e al riutilizzo dello stesso contenitore, in modo tale da arrivare all’accantonamento definitivo della plastica.
Il progetto ‘rifiuti zero’ non è più considerato una mera utopia, ma un traguardo sempre più concreto. Una realtà a cui il mondo guarda con grande interesse, visti i lusinghieri riscontri raggiunti, in buona parte, in alcuni Stati europei.
Ma, per il Comune di Pont Saint Martin il confronto con altisonanti proposte ambientali non finisce qui. Ancora l’assessore comunale Ennio Pedrini: “ Il 22 aprile aderiremo a ‘EARTH Day’, la più grande manifestazione ambientale mondiale; l’Italia è presente insieme con altri 191 Paesi”.
Saranno i quattro elementi cardine della vita sulla Terra ad essere declinati dalle varie amministrazioni. Acqua, Fuoco, Aria, Terra costituiranno la ‘colonna portante’ delle molte idee studiate, a Pont Saint Martin, per tutelare il territorio nella sua universalità. Una tutela che, nel 2017, si è espressa, al meglio, con la pulizia della sponda della Dora Baltea. “Il gruppo di volontari – ricorda l’assessore Pedrini – ha recuperato quintali di materiali. Quest’anno, la raccolta di .rifiuti abbandonati interesserà il greto del torrente Lys, nell’area compresa tra la Dora e il Ponte romano”. Tiene ad aggiungere: “ Spero molto nei giovani. Mi auguro che l’adesione di ragazzi volontari a questa giornata riservata alla ‘salute’ della Terra sia più consistente. Rappresentano il futuro del mondo. Di una Terra che merita la loro massima attenzione per garantirsi un benessere fisico, sociale, ambientale, lavorativo”, conclude l’assessore all’Ambiente del Comune di Pont Saint Martin.

Sandra Lucchini

Categoria: