studenti universitari

Studenti universitari valdostani e torinesi visiteranno i luoghi frequentati dal vicequestore Rocco Schiavone.

I libri in cui Rocco Schiavone è protagonista sono. 'Pista nera' (2013); 'La costola di Adamo' (2014); 'Non è stagione' (2015); 'Era di Maggio' (2015) e 'Cinque indagini romane per Rocco Schiavone' (2016).

AOSTA. Il successo della fiction televisiva ‘Roco Schiavone’, trasmessa su Rai 2, è all’origine dell’iniziativa di cui saranno ‘primi attori’ gli studenti dell’Università della Valle d’Aosta, laureandi in ‘Lingue e cultura per la promozione delle aree ‘ e i loro colleghi dell’ateneo torinese. I primi si improvviseranno ‘ciceroni’, conducendo i loro compagni di studi nelle zone frequentate, ad Aosta, da Rocco Schiavone, il famoso vicequestore diventato il personaggio di spicco dei romanzi di Antonio Manzini, interpretato, per la TV, dall'attore Marco Giallini.
L’organizzazione di queste singolari visite guidate è voluta per consentire ai ragazzi di “toccare con mano i luoghi più significativi e rivivere le emozioni delle scene più avvincenti della serie televisiva”.
La visita è programmata per mercoledì 20 dicembre, nel centro storico della città capoluogo.
“Dopo il tour – anticipa Luisa Giacoma, docente dell’Università valdostana – gli studenti effettueranno un’analisi per valutare i punti di forza, i problemi, le perplessità e i rischi di questa proposta che – sottolinea – potrebbe costituire un’interessante novità nel panorama turistico valdostano”.
Rocco Schiavone nasca a Roma, nel 1966 e trascorre l’infanzia e l’adolescenza a Trastevere, il cuore pulsante della capitale. Frequenta amicizie tutt’altro che raccomandabili, ma studia, si laurea in Giurisprudenza ed entra in Polizia.
A 35 anni, sposa Marina. La donna verrà, poi, uccisa in un attentato la cui vittima avrebbe dovuto essere lui. Un’auto affianca i coniugi al semaforo. Dal finestrino parte una serie di colpi che il vicequestore riesce a schivare. La moglie rimane uccisa.
Il trasferimento alla Squadra Mobile di Aosta non è mai stato accettato da Schiavone. Anzi. Il capoluogo regionale con le sue caratteristiche climatiche non hanno mai incontrato i favori di Rocco Schiavone.

s.l.