neurologia 'parini'

Una delle eccellenze ospedaliere italiane. Riconoscimento attribuito alla Neurologia dell'ospedale di Aosta.

L'ictus è, oggi, la terza causa di morte e la principale causa di disabilità nella popolazione mondiale. I fattori di rischio prioritari sono, innanzitutto, l'ipertensione, il fumo di sigaretta e l'abuso di alcool. Colpisce, in prevalenza, gli uomini ed è più frequente nei Paesi industrializzati rispetto a quelli in via di sviluppo.

AOSTA. Nuovo altisonante riconoscimento per l’Ospedale ‘Parini’, di Aosta, decretato dalla società ThatMorning: la Neurologia ritenuta fra i riferimenti all’avanguardia in campo nazionale per il trattamento e la cura dell’ictus.
“Negli ultimi anni – dice il Direttore della Struttura Complessa di Neurologia Giuseppe D’Alessandro – riusciamo a trattare il quaranta per cento delle persone colpite da ictus, rispetto al quindici per cento della media nazionale. Abbiamo partecipato – informa - agli studi internazionali più importanti sulla prevenzione e cura farmacologica e chirurgica dell’ictus”.
Le motivazioni alla base di questo elogio sono da ricondurre alla tecnologia all’avanguardia di cui è dotata la Struttura Complessa di Neurologia e alla professionalità degli operatori, medici e non.
La società startup è impegnata, da due anni, nel business intelligence in ambito dealthcare fra i migliori ospedali italiani. E, per quanto attiene alla Neurologia valdostana è riferito a vari parametri: dal volume delle prestazioni erogate, alla sinergia con altri esperti; dalla dotazione di personale, al profilo professionale. E, ancora, i trial clinici e sperimentazioni attivate, pubblicazioni scientifiche, procedure e tecnologie impiegate.
Le finalità della ThatMorning sono concentrate nel facilitare le persone colpite da ictus a ricercare fra i migliori riferimenti ospedalieri italiani.
“Il riconoscimento premia il lavoro svolto e impostato prevalentemente sull’assistenza al paziente”, dichiara il neurologo Giuseppe D’Alessandro.

s.l.