Associazione Cefalee VDA

L'alleanza di Scienza e Tecnologia per combattere l'emicrania, patologia riconosciuta invalidante dalla Regione Autonoma Valle d'Aosta.

Le nuove frontiere della Scienza e della Tecnologia si identificano con farmaci e attrezzature congrui ad alleviare e, in molti casi, a ridurre in maniera consistente l'emicrania. L'Associazione Cefalee Valle d'Aosta è a disposizione di chi intende informarsi sui continui progressi di studiosi e ricercatori italiani e americani, in particolare. "Oggi, si può convivere con la cefalea in termini più che soddisfacenti", dicono.

ISSOGNE. ‘Dalla diagnosi alla terapia. Il ruolo delle Associazioni nei confronti dei pazienti’. E ancora: ‘Come migliorare la qualità della comunicazione medico-paziente e i servizi disponibili in Valle d’Aosta’
Inviti formulati ai cittadini valdostani da ACEV l’Aassociazione Cefalee Valle d’Aosta onlus che, venerdì 6 ottobre, alle 20,30, organizza un incontro, a Issogne, nell’Auditorium delle scuole, in frazione La Colombière.
Una serata contraddistinta dall’illustrazione delle novità terapeutiche in grado di migliorare la quotidianità delle persone affette da cefalee con tutte le varianti connesse a questa patologia. Il pubblico avrà l’opportunità di confrontarsi con il neurologo Edo Bottacchi e con la presidente di Acev Sara Grillo.
Alcuni occhiali speciali sembra si stiano dimostrando i veri ‘amici’ di chi soffre di questa malattia decretata ‘invalidante’ dall’Assessorato regionale alla Sanità.
Arriva dagli Stati Uniti la scoperta di particolari lenti colorate contro la cefalea. L’annuncio arriva da ricercatori del Michigan University che hanno appurato come gli attacchi della malattia si riducano del 70 per cento indossando queste lenti. Descrivono gli effetti benefici sulla rivista medica ‘Cephalgia’, sottolineando risultati lusinghieri nelle forme di emicrania con e senza aura. Scendono in dettaglio: “Questa tipologia di cefalea è aggravata, sovente, da fotofobia. Da qui, l’importanza delle lenti colorate”, puntualizzano.
Ancora gli occhiali si rivelano preziosi alleati di questa categoria di pazienti, molti dei quali penalizzati dal persistere di da pregiudizi e diffidenza famigliare, sociale, lavorativa.
E’ prossimo l’arrivo di occhiali schermati per tutti i colori ad eccezione del verde, ‘nuance’ cromatica già di per sé in grado di infondere serenità.
Studiosi americani, di Boston, hanno verificato la validità dell’esposizione a lampi di luce verde pura; ridurrebbe il dolore emicranico del 20 per cento. Dopo sperimentazioni con una serie di colori, il verde è risultato l’unico ad aver fornito i riscontri sperati. Colore idoneo a squarciare il buio delle giornate dei malati di cefalea.
Nell’incontro, a Issogne, verranno illustrate altre slide sulle ultime frontiere della scienza e della tecnologia relative alla patologia.
Per Sara Grillo si tratta di conquiste illuminanti, di traguardi in grado di restituire il sorriso a chi lo ha perso, da tempo, a causa di una malattia sottovalutata per troppo tempo.
“Dalla costituzione dell’associazione – dice – abbiamo ridato fiducia a molti cittadini. Stanchi non solo di soffrire, ma, soprattutto, di non essere capiti compresi. L’emicrania disorienta gli adulti e sconvolge la vita scolastica dei giovani. Molti non vengono capiti. Altri addirittura additati, considerati alla stregua di malati immaginari o, peggio, di fannulloni”.
La riscossa di questi pazienti è arrivata dal riconoscimento regionale. Ancora la presidente dell’Associazione Cefalee Valle d’Aosta.: ”Molte persone non presentano la domanda di invalidità. Temono di perdere il posto di lavoro”, puntualizza.
Può sembrare incredibile come, nell’era di Internet, l’informazione capillare garantita da molteplici fonti, debba ancora scontrarsi con una mortificante disinformazione, presente anche in ambienti dove si presupporrebbe esserci un grado soddisfacente di istruzione sanitaria. Il progresso sociale non ha contribuito a smantellare il parallelo cefalea uguale ‘cenerentola delle malattie’.
“Come associazione interveniamo per superare questi ostacoli – conferma Sara Grillo -. Invito la gente a contattarci. Venerdì, sarò a disposizione per fornire chiarimenti sul nostro ruolo. Distribuiremo, inoltre, materiale specifico sia per quanto attiene alla cefalea, sia relativo a informazioni istituzionali e legislative”, conclude la presidente dell’Associazione Cefalee Valle d’Aosta- Acev onlus

S.L.