leggende, novelle, riti

Venerdì 18: l'antica superstizione diventa teatro.

L'estate valdostana 2017 verrà ricordata per il 'ventaglio' di proposte organizzate dalle istituzioni. Di particolare 'glamour' la 'tre giorni' promossa dai Comuni di Ayas, Brusson e Challand-Saint-Anselme in collaborazione con il Consiglio regionale della Valle d'Aosta. Da venerdì 18 a domenica 20, ogni sera, verranno presentate pièces teatrali in cui si racconteranno leggende, novelle e storie della cultura popolare di questa vallata.

AOSTA. Miti, leggende, misteri, riti, magie, tradizioni immortalati dall’immaginario collettivo. Fenomeni naturali assurti a simboli di comunicazione tra cielo e terra, tra l’uomo e le divinità, tra il mondo terreno e i mondi superiori.
La cultura attuale e passata hanno attribuito a vegetali, animali o semplici oggetti connotati soprannaturali, a volte sacri, veicolando, nei secoli, queste peculiarità. Le novelle, in particolare, contribuivano ad intrattenere le persone per lunghe ore durante le serate invernali, amplificandone i legami di amicizia e solidarietà.
In Valle d’Aosta, hanno costituito una autentica cultura popolare, di cui, ancora oggi, si ricordano i dettagli e, per questo, si desidera tramandarle. Alla salvaguardia di questi preziosi ‘scrigni’ della memoria ci hanno pensato le amministrazioni comunali di Ayas, Brusson e Challand-Saint Anselme in collaborazione con il Consiglio regionale della Valle d’Aosta, organizzando il progetto ‘Leggende e novelle nell’alta Val d’Ayas’, dal 18 al 20 agosto.
Saranno proposti tre racconti teatrali e tre storie antiche del vissuto tra queste montagne, tra paura e credenze popolari, tra sacro e profano, quando anche soltanto una spaccatura nella roccia assumeva significati particolari.
Gli abitanti celebravano questi ‘segnali’ misteriosi nei momenti in cui le famiglie si riunivano attorno al camino. La ‘veilla’ nelle notti d’inverno è il simbolo, per antonomasia, del momento più confortevole per narrare leggende, novelle, storie legate alla sfera del passato.
Le rappresentazioni teatrali avranno inizio alle ore 21.00 e si svolgeranno in tre località: venerdì 18 agosto ad Ayas, a Pian Villy; sabato 19, a Challand-Saint-Anselme, in località Quincod e domenica 20, a Brusson, nel piazzale antistante la chiesa parrocchiale.
La regia è affidata al Teatroallosso di Crema, costituito, nel 1999, dall’attore e regista Nicola Cazzalini.
Questa iniziativa non potrà che rinverdire la memoria dei valligiani e affascinare i numerosi turisti presenti in queste località della Valle. Per i cittadini più piccoli saranno rappresentazioni teatrali di grande interesse, atte a stimolare curiosità e fantasia. Per gli adulti costituiranno un piacevole ripasso del ‘cahier des souvenirs’ trascurato, forse, dagli eventi, ma mai dimenticato. Dolcezze per la memoria che riportano ad uno dei periodi più felici e spensierati della vita di ognuno di noi: l’infanzia. Una fase in cui leggende, tradizioni e miti ‘regalano’ la meravigliosa sensazione di poter sognare.

di S.L.

Categoria: